Apatia: cosa fare quando non si vuole fare niente

Ti è mai capitato di provare uno stato di apatia? A chi non è mai successo, dopotutto. Ecco alcuni pratici consigli per superare questo stato e tornare alla carica.

Determina da dove proviene l’apatia e contestane le ipotesi sottostanti. Poiché l’apatia riguarda fondamentalmente l’atteggiamento, inizia a guardare te stesso e la tua storia da una prospettiva diversa. Se sei arrivato a identificarti come semplicemente pigro o immotivato, puoi considerarti probabilmente immobilizzato da dubbi e paure irrazionali, specialmente riguardo al fallimento. È tempo di andare oltre i messaggi negativi che hai ricevuto su di te in passato e rendersi conto che, finché non metti i tuoi sguardi irrealisticamente alti e sei disposto ad applicarti diligentemente a ciò che è importante per te, il tuo successo è praticamente garantito .

Passaggio dalla passività alla soluzione dei problemi. Questo è un momento per fare brainstorming: fare una lista di ciò che non funziona per te e cosa potrebbe migliorare la tua situazione. E se le tue circostanze particolari non sono suscettibili di cambiamenti, puoi accettarle per quello che sono, superarle e andare avanti. La cosa cruciale qui è semplicemente di liberarsi da ciò che ti rimane in questo stato di animazione sospesa.

Iniettare qualche novità nella tua routine. Le routine possono diventare noiose e noiose, quindi trovare modi di liberarsi da loro. Forse sfidati a iniziare una conversazione con qualcuno al lavoro che non conosci molto bene. Oppure cambia il tuo regime di esercizio: quando, dove o con chi lavori; o quali esercizi tipicamente esegui. Magari prendi in considerazione la possibilità di candidarti per un nuovo lavoro o di tornare a scuola per perseguire un interesse di cui avevi dimenticato o che prima era stato respinto in quanto poco pratico.

Sfida la tua apatia in ogni modo possibile. Cosa ti eccitava prima di essere assalito dal tuo attuale malessere? Qualche amico di cui hai perso traccia, ma ti è sempre piaciuto parlare, specialmente se ti hanno fatto ridere? Qualche musica particolare che hai trovato attraente? Torna indietro e rivivi questi momenti.

Richiama e risveglia i momenti più felici quando ti senti più entusiasta e vivo. Quali hobby o attività del tempo libero potresti aver intrapreso una volta in cui hai trovato la carica? la pittura? lettura? fare i cruciverba? fare musica? ballare? progettazione? giardinaggio? anche, bene, soffiando bolle. Non importa cosa ti ha deliziato in passato, riprovala.

Indirizza la tua attenzione su un obiettivo che potresti perseguire in questo momento. Considerando i tuoi valori, attitudini e preferenze, scegli qualsiasi obiettivo che possa catturare al meglio la tua attenzione e il tuo interesse, e aiutarti a reinserirti in modo creativo con la vita. L’imperativo è che ti sollevi dalla tua palude attuale. Ma non scegliere nulla di così complesso che solo a pensarci ti faccia sentire sopraffatto. Data la tua letargia presente, non vuoi rendere l’avvio di una nuova impresa scoraggiante, ma il più semplice possibile. E qualunque cosa tu scelga, puoi sempre dividerla in parti facilmente implementabili.

Libri consigliati sull’argomento

Ti potrebbe interessare leggere questi articoli: